Controllo accessi: occupazione degli ambienti e risparmio energetico

Controllo accessi e regolazione degli ambienti in real time

Il sistema di controllo accessi all’interno di un edificio può essere fondamentale non solo ai fini della sicurezza. Il risparmio energetico, il comfort ambientale e, in generale, lo stato di salute dell’edificio possono essere raggiunti grazie al controllo in tempo reale dell’occupazione, possibile solo tramite l’integrazione tra il sistema di controllo degli accessi e il sistema di Building Management (BMS).

Un BMS è un sistema di controllo e gestione progettato per monitorare e controllare gli impianti meccanici ed elettrici di edifici o porzioni di edifici sia in locale che da remoto. In funzione della soglia di occupazione degli ambienti, il sistema BMS può attivare delle opportune logiche di regolazione sugli impianti di riscaldamento, condizionamento, trattamento dell’aria ed illuminazione.

Ogni zona può avere uno o più terminali di controllo accessi assegnati come lettori di entrata. Ogni accesso ai locali incrementa il numero di persone presenti all’interno della specifica zona. Viceversa, quando la persona è rilevata dal lettore di un altro ambiente, il conteggio degli occupanti è decrementato di conseguenza nella zona iniziale ed incrementato nella nuova zona. Il sistema BMS può così attivare delle logiche di controllo, come modificare i valori di temperatura nella stanza e regolare o spegnere le luci. Dalle mappe del BMS è possibile controllare in tempo reale lo stato dell’occupazione dell’edificio.

Logica di controllo degli ambienti e loro stato ideale (verde) o di attenzione (giallo)

Controllo predittivo dell'occupazione degli ambienti via BMS

Oltre alla gestione in tempo reale, l’integrazione tra il sistema di controllo accessi e il sistema di building management può offrire un controllo predittivo dello stato di occupazione basato sugli eventi storici di occupazione.

Il sistema BMS genera una pianificazione oraria automatica del controllo delle zone in base ad un numero di occupanti dedotto dallo storico degli accessi. La generazione della pianificazione (Occupancy Schedule Optimizer) si basa su algoritmi di Deep Learning che confrontano lo stato di occupazione delle zone con lo storico degli accessi alle stesse zone registrati dal sistema e determinano le regolazioni ambientali in base alla soglia dinamica del numero di occupanti.

La logica del sistema associa i dati di occupazione di ogni giorno della settimana con lo storico dello stesso giorno nelle ultime cinque settimane: per esempio, la pianificazione oraria della regolazione del lunedì è definita sulla base degli ultimi cinque lunedì precedenti. In questo modo gli algoritmi deep learning correggono le soglie di occupazione ed applicano logiche di regolazione automatiche in base ai giorni della settimana.

L’algoritmo Occupancy Schedule Optimizer controlla continuamente la qualità dei dati per garantire che gli eventi di occupazione irregolari, come i periodi di ferie, non influiscano sulle pianificazioni automatiche. Ogni dato che si scosta significativamente dagli storici è scartato nella pianificazione predittiva e viene generato un allarme sul sistema di controllo.

In tal modo il sistema si affina nel tempo, permettendo l'automazione del controllo che si traduce in un'importante riduzione dei consumi energetici e in una maggiore sostenibilità ambientale.

 

Contattaci per informazioni

    Nome*

    Cognome*

    Provincia*

    Telefono*

    e-mail*

    Messaggio/Message

    Follow us

    © Copyright 2022 Teleimpianti S.p.A. - All Rights Reserved | REA BO-218734, P. IVA e CF 00550400378 e Capitale Sociale 500.000,00 - Privacy policy - Cookie policyCredits

    chevron-down
    linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram