La crescente necessità di sicurezza in tutti gli ambiti si ripercuote anche sul mondo industriale e dei servizi. Accanto ai classici sistemi di sicurezza fisica, antintrusione e videosorveglianza, cresce la domanda di soluzioni personalizzate per il controllo e la gestione dei varchi di accesso alle aree private degli edifici direzionali e produttivi, quale naturale completamento alla necessità di rendere sicuri e controllati gli ambienti di lavori.

“La tecnologia attuale permette di creare soluzioni altamente automatizzate e personalizzabili già a partire dalla gestione dei varchi perimetrali esterni degli edifici, come cancelli carrai e pedonali, porte di accesso alle unità produttive e agli uffici, integrando le corrispondenti barriere fisiche (tornelli, sbarre, ecc.) con sistemi di apertura basati su lettori in grado di riconoscere sia il classico badge Rfid, spesso utilizzato nella gestione delle presenze, sia dati biometrici dell’utente (dito, mano..), fino a poter utilizzare il proprio smartphone come badge virtuale” – spiega Davide Olivieri, responsabile commerciale di Teleimpianti.

Accesso ai varchi aziendali con badge e smartphone

Per l’apertura dei varchi carrai in modalità “mani libere” sono ora utilizzabili anche telecamere per la lettura delle targhe e lettori telepass che consentono una maggiore velocità di accesso alle strutture.

Grazie ad evoluti software di collegamento tra i dispositivi di accesso e il data base aziendale, possono essere creati profili specifici per il personale. Di conseguenza, si può definire con precisione chi può entrare, da dove e quando. È così possibile eliminare l’utilizzo delle chiavi fisiche a vantaggio di tecnologie sicure che consentono l’inserimento o la cancellazione di nuovi utenti con un semplice “click” e la consultazione dei dati di transito sui varchi.

“Da oltre 30 anni mi occupo di tecnologie e soluzioni integrate nell’ambito della security fisica degli edifici”, riprende Olivieri, “e finalmente l’utilizzo combinato di tornelli e lettori consente di rispondere alle situazioni di emergenza per la sicurezza dei lavoratori, ovvero poter contare su un elenco aggiornato delle persone presenti e attivare azioni mirate alla ricerca di eventuali dispersi. Tale funzionalità può essere estesa anche ai visitatori registrandoli su un apposito portale in reception o tramite postazioni tablet di self-registration dove quest’ultima non sia presidiata”.

Nel caso in cui siano presenti varchi pedonali e carrai chiusi, i visitatori devono necessariamente annunciarsi. Questo è ora possibile tramite sistemi videocitofonici di nuova generazione integrabili al sistema di controllo accessi e al sistema telefonico VoIP in uso. A seconda delle modalità di presidio del personale addetto, la risposta sarà gestibile:

  • dalla reception;
  • da postazioni telefoniche interne locali o remote (ad esempio, sale di controllo esterne di istituti di vigilanza);
  • da dispositivi mobili quali smartphone e tablet (ad esempio, l’apertura del cancello di carico/scarico dei camion da parte di un magazziniere non sempre reperibile ad una postazione fissa).

La postazione videocitofonica può anche essere dotata di un display touch in grado di mostrare i nominativi degli interni abilitati alla risposta per indirizzare la chiamata all’area aziendale più idonea.

Videocitofoni IP per controllo degli accessi aziendali

Infine, il sistema di controllo degli accessi può essere esteso a porte interne degli edifici quali locali tecnici, locali server, uffici direzionali, aree R&D, magazzini e archivi, contribuendo a rendere più sicuri gli ambienti di lavoro e a proteggere i dati e i beni in essi contenuti.

Il risultato è un unico ecosistema modulabile che consente il controllo costante dei varchi con grande flessibilità operativa, potendosi adattare al mutare delle necessità senza prevedere un ricablaggio dei componenti in campo. Essendo questi dispositivi tutti installabili e gestibili tramite la rete lan in uso, basterà riconfigurare il software di gestione.

 

Contattaci per informazioni

    Nome*

    Cognome*

    Provincia*

    Telefono*

    e-mail*

    Messaggio/Message